• 25 DIC 15
    • 0
    Creme idratanti: perchè non funzionano

    Creme idratanti: perchè non funzionano

    Creme idratanti: perché non funzionano

    Per poter comprendere alcuni concetti pratici, per esempio perché la cute diviene secca e cosa fare, occorre rifarsi a concetti complessi di fisiologia cutanea. Molte donne o uomini utilizzano creme cosiddette idratanti con l’intendimento di mantenere morbida la cute e magari di ritardare la comparsa delle rughe. Analizzando però dai concetti di fisiologia cutanea si deduce perché le creme idratanti non possono funzionare.

    Idratazione cornea

    Quando si parla di Idratazione cutanea si parla del contenuto d’acqua dello strato corneo perché le cellule epidermiche ed il derma è “bagnato” del siero del sangue e non necessita d’acqua..

    L’idratazione è una funzione essenziale per mantenere rigidità strutturale e flessibilità allo strato corneo nonché efficienza della Funzione Barriera Epidermica . Al contrario di quanto comunemente si pensa l’idratazione dello strato corneo è una funzione continua dato che esso è posto al di sopra di uno strato, quello epidermico, a bagno nell’acqua. Perché lo strato corneo si “disidrati” occorre che siano alterate o carenti le proteine che legano l’acqua o i lipidi che la trattengono. Per “idratare” lo strato corneo quindi non occorre apportare acqua dall’esterno con una crema o dall’interno bevendo di più, la riserva sottostante è infinita, ma riparare la funzione barriera. Per questi motivi è sbagliato parlare di creme idratanti ma è più appropriato  parlare di creme emollienti, cioè in grado di riparare i danni alla funzione barriera.

    La Crema Idratante

    Se applichiamo una crema idratante, cioè una crema composta da acqua e grassi, su pelle secca, in un primo momento essa diviene morbida e sembra di aver risolto il problema. Dopo poco tempo però l’acqua della crema evapora e i grassi di essa vengono asportati da sfregamento, desquamazione, assorbimento o successivi lavaggi. La pelle torna ad essere secca. Se invece si sceglie di applicare di frequente la crema idratante si crea un danno di Funzione Barriera allo strato corneo. Infatti gli emulsionanti presenti nella crema idratante iniziano a sciogliere i lipidi cornei , quelli della Funzione Barriera, peggiorando la secchezza cutanea o causando irritazione e prurito. Ecco perché la crema idratante non può risolvere il problema della secchezza cutanea.

    Le regole per mantenere in ordine lo strato corneo e prevenire i danni

    Da quanto detto, se l’ obiettivo è di mantenere in ordine lo strato corneo e prevenire i danni, occorre rispettare la Funzione Barriera. La prima causa di danneggiamento della Funzione Barriera, in assoluto, è l’utilizzo troppo frequente dei saponi e detergenti. Questi, utilizzati nel lavaggio quotidiano, asportano i grassi dello sporco ma intaccano anche i Lipidi Interlamellari, sottraendoli. Poiché la ricostruzione dei Lipidi Interlamellari è un processo lento, con i lavaggi quotidiani si può presto arrivare ad uno stato di alterazione della Funzione Barriera con aumento della perdita d’acqua, secchezza, desquamazione, qualche volta sensazione di prurito. Le donne, i bambini e gli anziani sono più sensibili all’azione dei saponi e dei detergenti. Anche la Dermatite Atopica, caratterizzata da cute secca, peggiora con i lavaggi. Quando la cute è secca e appare disidratata non bisogna incorrere nell’errore di applicare una crema cosiddetta idratante o bere più acqua; occorre, casomai, lavarsi di meno. Poiché nella società moderna il lavaggio quotidiano è diventato una regola, è necessario utilizzare al posto di saponi o detergenti le cosiddette Basi Lavanti. Si tratta di apposite creme da lavaggio che vanno massaggiate sulla cute bagnata e poi risciacquate. In questo modo si pulisce la cute senza privarla dei Lipidi Interlamellari.

    L’impiego dell’ Unguento  Autoidratante al posto della crema idratante

     Se la pelle è secca e tira e magari si arrossa e fa prurito, oppure mette in evidenza troppo le rughe del volto, si può utilizzare l’Unguento Autoidratante. ( Unguento Emolliente  Estremo )

    Si tratta di un Unguento privo d’acqua ma composto di polimeri vegetali questi ultimi in grado di richiamare l’acqua degli strati profondi della pelle verso lo strato corneo e trattenerla a lungo . In questo modo senza usare acqua, grassi o emulsionanti, i componenti tipico della crema idratante, possiamo avere una pelle morbida che resiste al freddo ed ai lavaggi frequenti.

    Leave a reply →