• 29 GIU 16
    • 0

    Ceratosi attinica

    Sintesi

    Nota anche come cheratosi solare, la cheratosi attinica è una lesione precancerosa della pelle che appare soprattutto dopo i 40 anni a causa dell’effetto cumulativo dell’esposizione solare. Le lesioni con cui si manifesta questo disturbo, ricoperte di squame o di croste ruvide al tatto, compaiono generalmente sulle aree del corpo più frequentemente esposte al sole: viso, orecchie, cuoio capelluto, labbra, dorso delle mani, avambracci, spalle e collo.

    Info

    Descrizione: La lesione inizialmente si presenta come una placca eritematosa di piccole dimensioni ricoperta da squame o croste di colore bruno-rossastro. Lo sviluppo è molto lento e ciascuna placca può raggiungere e superare le dimensioni di 1-2,5 cm di diametro. Spesso la cheratosi attinica si manifesta con lesioni multiple. Secondo le stime il 26% delle cheratosi attiniche regredisce spontaneamente, mentre circa il 60% può evolvere in carcinomi cutanei squamo-cellulari.

    Cause: La causa principale è la prolungata esposizione alla luce solare  in rapporto con la fotosensibilità individuale . Anche la Lampade abbronzanti provocano la cheratosi attinica.

    Le persone più a rischio sono quelle con pelle chiara e chiarissima e con capelli biondi o rossi e occhi azzurri o verdi; quelle che lavorano o fanno sport per molte ore all’aperto; quelle che hanno il sistema immunitario indebolito. I soggetti che hanno soggiornato in paesi tropicali o equatoriali.

    Sintomi: Particolare attenzione deve essere posta all’insorgenza di queste piccole placche eritematose che desquamano : queste lesioni, infatti, possono dare prurito e bruciore, ma possono anche risultare asintomatiche.

    Diagnosi

    Generalmente la diagnosi di cheratosi attinica viene effettuata senza difficoltà dal dermatologo.

    Attraverso una visita specialistica il medico sarà in grado di distinguere la cheratosi attinica da altre patologie a carico della cute.

    Una biopsia potrà essere effettuata nel caso in cui il medico reputi necessario assicurarsi che la lesione non sia tramutata in tumore.

    Trattamento

    Dal momento che la cheratosi attinica, se non curata, può evolvere in carcinoma squamo-cellulare, il trattamento delle lesioni è mirato proprio a prevenire lo sviluppo di neoplasie. Diverse sono le opzioni disponibili:

    • terapie ablative (curettage, diatermocoagulazione)
    • Terapia Fotodinamica topica
    • terapie topiche a base di farmaci immunomodulanti

    Solitamente le terapie ablative vengono impiegate per trattare lesioni singole oppure un numero limitato di lesioni sparse. Le terapie topiche vengono invece utilizzate nel caso di lesioni multiple e sparse.

    Prevenzione

    Per prevenire l’insorgenza della cheratosi attinica il modo più efficace è quello di proteggersi dal sole. Ecco alcune regole da seguire:

    • esporsi al sole in modo responsabile mediante l’utilizzo di abiti protettivi, occhiali da sole, cappelli e, per le parti che restano scoperte, applicare un foto riflettente minerale naturale. evitare di esporsi ai raggi solari nelle ore più calde dei mesi estivi, ovvero tra le 11 e le 16;
    • evitare le ustioni e l’abbronzatura artificiale
    • esaminare l’intera superficie  del corpo regolarmente – senza trascurare il cuoio capelluto – e rivolgersi al medico nel caso in cui una lesione cutanea:

    – provoca dolore, prude o brucia

    – trasuda o sanguina

    – diventa squamosa

    – presenta cambiamenti in termini di dimensioni, forma, colore o elevazione

    Leave a reply →

Leave a reply

Cancel reply