• 04 LUG 16
    • 0

    Scabbia

    Sintesi

    La scabbia è una malattia della pelle causata da un piccolo parassita, un acaro,  che causa un intenso prurito. Si tratta di un disturbo contagioso che può diffondersi in modo molto rapido, ma che può essere risolto altrettanto rapidamente.

    Info

    Descrizione:

    La scabbia è associata ad un prurito intenso che scatena un forte istinto a grattarsi. Il pririto insorge caratteristicamente alla sera quando ci si corica è può infastidire per tutta la notte mentre si sente molto di meno durante il giorno. . Curare la scabbia  al più presto è importante, in modo da evitare che si diffonda all’intero nucleo familiare di chi ne è affetto o fra le persone con cui entra in contatto tutti i giorni. Per questo motivo e data l’elevata contagiosità del problema gli esperti consigliano di curare tutte le persone che potrebbero essere state contagiate dal parassita. Il contagio avviene per contatto fisico diretto o, attraverso oggetti personali come le lenzuola o i vestiti.

    Cause:

    A causare la scabbia è lo Sarcoptes scabiei, un acaro a 8 zampe dalle dimensioni microscopiche che scava cunicoli appena sotto alla pelle, all’interno dei quali le femmine depositano le uova. Alla loro schiusa, 3-4 giorni dopo la deposizione, le larve risalgono sulla superficie della pelle, dove si sviluppano e da cui partono per colonizzare altre aree della pelle o infestare altre persone.

    Sintomi:

    La reazione allergica scatenata dai parassiti, dalle loro uova e dai loro residui provoca un prurito spesso intenso che tende a peggiorare durante la notte. A questo prurito possono essere associate sottili vescicole o brufoletti, soprattutto a livello delle pieghe cutanee. Fra le zone del corpo più colpite sono inclusi gli spazi fra le dita, le ascelle, il girovita, l’interno del polso, le aree intorno al seno e ai genitali maschili, i glutei, Nel caso dei bambini le zone più colpite sono il cuoio capelluto, il volto, il collo, il palmo delle mani e la pianta dei piedi.

    Diagnosi

    La diagnosi della scabbia prevede un esame accurato della pelle da parte del medico, che cercherà i segni della presenza del parassita, inclusi i tunnel che scava nella pelle.

    E’ possibile che il medico effettui prelievi dalla pelle per osservarli al microscopio e confermare così la presenza dell’acaro e delle sue uova.

    Trattamento

    Il trattamento della scabbia è mirato all’eliminazione dei parassiti utilizzando medicinali sotto forma di creme o lozioni.

    . In genere il medicinale deve essere applicato su tutto il corpo la sera e lasciato agire per almeno 8 ore.

    . Nel caso in cui il prurito si ripresenti è necessario eseguire un secondo trattamento.

    . Data la contagiosità dell’infestazione il medico potrebbe prescrivere il trattamento a tutte le persone entrate in contatto con il paziente anche se non manifestano i sintomi della scabbia.

    . In caso di deficit  al sistema immunitario,  di resistenza alle  creme e lozioni potrebbe essere prescritti   farmaci per via orale.

    Dopo il trattamento il prurito potrebbe persistere ancora per qualche tempo. Per alleviarlo è possibile ricorrere a impacchi con soluzioni astringenti e all’uso di creme lenitive.

    Il prodotto più utilizzato per via topica è il Benzoato di Benzile al 30 % in olio che viene applicato per quattro sere consecutive.

    Si può utilizzare anche la Permetrina in crema al 5 /10 %

    Per via orale si prescrive l’ Invermectina.

    Prevenzione

    La prevenzione si esegue controllando che le lenzuola del letto degli alberghi siano state cambiate

    Evitare di scambiarsi i vestiti e ponendo attenzione nel provare vestiti di seconda mano.

    Per prevenire il contagio in casa è importante lavare tutti i capi d’abbligliamento e la biancheria e gli asciugamani che potrebbe essere contaminata. Ciò che non può essere lavato in casa deve essere pulito a secco. In alternativa gli oggetti contaminati che non possono essere lavati possono essere sigillati in un sacchetto di plastica per un paio di settimana

    Leave a reply →

Leave a reply

Cancel reply