• 02 GIU 16
    • 0

    Psoriasi: quando viene ai piedi

    La Psoriasi è un disturbo della crescita dei cheratinociti, cioè delle cellule che compongono l’epidermide. Questi, crescendo  disordinatamente, determinano, in alcune aree, la formazione di rilievi o placche cutanee arrossate e desquamanti.

    Quadro clinico

    Sono 3 gli elementi caratteristici per individuare la presenza o meno della  Psoriasi

    • eritema
    • crescita eccessiva (placca)
    • desquamazione

    al corpo la Psoriasi appare con le placche, l’ eritema e la desquamazione

    Psoriasi ai piedi

    Le placche di solito non si formano perché la cute è costretta nelle scarpe e anche la desquamazione è meno evidente perché la cute è più umida. Tuttavia si possono riconoscere gli elementi di diagnosi della Psoriasi: l’eritema, la placca e la desquamazione .

    La Psoriasi al piede si  manifesta in modo polimorfo, con aspetto alquanto differente da quella del resto del corpo e quindi  spesso difficile da diagnosticare .

    A livello scolastico la Psoriasi del piede si suddivide in 5 categorie:

    1. Psoriasi Plantare
    2. Disidrosi Psoriasica Plantare
    3. Onicopatia Psoriasica Plantare
    4. Psoriasi dorsale del piede
    5. Artrite Psoriasica del piede

    Psoriasi plantare

    La Psoriasi Plantare è molto frequente ed è a volte accompagnata alla forma palmare nel quadro della Psoriasi PalmoPlantare.

    La Psoriasi Plantare a sua volta si presenta con quadri molto differenti a seconda   che prevalga lo stato infiammatorio, l’ipercheratosi o la desquamazione.

    L’aspetto della Psoriasi Plantare può cambiare anche in funzione del sovrappeso, dei calzari utilizzati e di precedenti trattamenti, soprattutto dall’ uso di cortisone.

    La foto seguente si riferisce ad una Psoriasi Plantare nella forma prevalentemente eritematosa. L’ipercheratosi è presente solo al calcagno ed al tallone dove le forze di pressione o sfregamento provocano la risposta ipercheratosica. La desquamazione è minima dovuta alla particolare condizione di umidità della cute plantare. Si può notare la netta demarcazione tra zona plantare, interessata dalla Psoriasi e zona dorsale sana.

    Forma ipercheratosica

    La Psoriasi Plantare Ipercheratosica è caratterizzata da placche di ipercheratosi che si possono formare anche in sedi differenti da quelle d’appoggio. L’ipercheratosi psoriasica plantare è caratterizzata anche da fissurazioni dello strato corneo laddove le pressioni sono maggiori e da desquamazione lamellare.

    Forma desquamante

    La forma di Psoriasi Plantare desquamante è meno frequente e si riconosce per il distacco dello strato corneo a lamelle disuguali, come espressione di crescita anomala dei cheratinociti sottostanti

    In altre situazioni i tre aspetti clinici, eritema, ipercheratosi e desquamazione sono egualmente presenti nello stesso piede come nella foto sottostante.

    A volte prevale la sola ipercheratosi di tipo diffusa alla pianta spesso con zone di risparmio, come nella foto sottostante, dove l’incavo plantare è risparmiato dalla Psoriasi.

    Altre volte avviene il contrario, l’incavo è colpito mentre le zone d’appoggio appaiono relativamente indenni.

    Anche un’ipercheratosi localizzata e ben delimitata e non in relazione a particolari sfregamenti o forze di pressione  deve far pensare ad una Psoriasi e quindi trattata come tale.

    1. Disidrosi Plantare Psoriasica (DPP)

     

    Disidrosi Plantare Psoriasica ( DPP)

    è una delle forme più comuni di presentazione della Psoriasi Plantare.

    La Disidrosi Plantare Psoriasica si presenta, nella forma più comune, con formazioni vescicolari osservabili per trasparenza al di sotto dello strato corneo. Si tratta di raccolta di siero e cellule, perlopiù leucociti neutrofili , all’interno dell’epidermide .

    Con il tempo la vescicola si superficializza e si apre nello strato corneo. A questo punto si nota un arrossamento, una desquamazione e un piccolo infossamento a cratere come esito della vescicola che si è aperta.

    La DPP si accompagna di solito a forte sensazione di prurito o bruciore, almeno finché le vescicole non si aprono.

    In altre situazioni la DPP appare con lesioni bollose anche di grosse dimensioni causate dalla confluenza di molteplici vescicole come nella foto sottostante.

     

    La DPP può apparire anche in forma di pustole con contenuto torbido, cremoso a tipo pus. Le pustole sono sterili e non vanno confuse con quelle delle infezioni plantari (ascessi).

    Psoriasi Dorsale

    Il piede può essere interessato da Psoriasi solo nella parte dorsale risparmiando la plantare.

    Anche in questo caso prevale la componente eritematosa sulla componente di crescita eccessiva e sulla desquamazione dovuto all’uso di calzari.

    Il fatto che la Psoriasi possa colpire la porzione dorsale oppure la porzione plantare del piede dimostra come la cute del piede, apparentemente uguale, è in realtà divisa in due porzioni distinte con comportamento autonomo nei riguardi di uno stesso stato patologico.

    Trattamento

    Come per le altre forme di Psoriasi anche quella del piede non va trattata con cortisone. Si ha un apparente beneficio iniziale seguito da un peggioramento alla sospensione o anche proseguendo con il trattamento. Inoltre la pelle del piede si danneggia molto con l’uso del cortisone.

    DermaClub suggerisce di utilizzare i riducenti  naturali come zolfo e acido salicilico ( Crema 2 S) oppure ittiolo solfonato ( Dermictiol Crema ). Per la Disidrosi Plantare si utilizza la combinazione di un riducente la sera ( Crema 2 S o Dermictiol Crema ) e l’Unguento ai PEG la mattina.

    Occorre poi limitare i lavaggi, evitare i pediluvi, non portare scarpe troppo occludenti, esporre al sole i piedi quando possibile.

    Leave a reply →

Leave a reply

Cancel reply