• 18 DIC 15
    • 0

    Fibromi Penduli: Un inestetismo che si può correggere

    I fibromi penduli: un inestetismo che si può correggere

    Cosa sono i fibromi penduli

    I fibromi penduli, o acrocordon ( in inglese: skin tags), sono delle piccole escrescenze della pelle color carne, detti anche ciccetti o porri di carne, che nascono dal derma, quella parte della pelle situata sotto l’epidermide, e che, anziché crescere al suo interno, si sviluppano verso l’esterno. Possono raggiungere varie grandezze, da pochi millimetri fino al diametro di un centimetro, ed essere così piuttosto evidenti e fastidiosi, anche per le zone del corpo in cui crescono. Quando sono di dimensioni considerevoli, possono pendere verso il basso a causa della forza di gravità da qui il nome di fibromi penduli.

    Dove si presentano i Fibromi penduli

    Si formano classicamente ai lati del collo e alle ascelle, alcune volte sono presenti anche all’inguine e alle palpebre superiori e inferiori.

    Perché si formano i fibromi penduli

    Normalmente possono iniziare a svilupparsi, sia nell’uomo sia nella donna, intorno ai 40 anni, anche se non mancano casi in cui spuntano verso i 20. Il loro manifestarsi è dovuto a una predisposizione genetica, ereditaria quindi, per cui intere famiglie appaiono “affette” dai fibromi penduli. La causa della loro presenza non è assolutamente nota; si sa solo che i fibroblasti, così si chiamano le cellule di cui sono fatti, per errore crescono verso l’esterno.

    I trattamenti dei fibromi penduli

    Sono piccole lesioni del tutto benigne.  Hanno solo implicazioni estetiche   Quelli sporgenti si possono impigliare facilmente nelle catenine o nei colletti, nei reggiseni e negli indumenti in genere e, in questi casi, possono esser causare irritazioni alla pelle.

    I trattamenti che non servono: LASER e ago elettrico

    Meglio non bruciarli con LASER  e/o ago elettrico perché si rischia di lasciare una cicatrice.

    Il trattamento consigliato

    L’intervento di rimozione è estremamente semplice ed indolore, e si effettua in ambulatorio. E’ sufficiente fermare il fibroma con una pinza , tirare verso l’alto e tagliare la base con bisturi o forbicine chirurgiche. Segue un piccolo sanguinamento che viene bloccato con un emostatico (cloruro d’alluminio 40%).
    La guarigione avviene in pochi giorni senza lasciare cicatrici. In una sola seduta è possibile asportarne parecchi e non vi è recidiva.
    Si consiglia di asportarli man mano che si formano, in modo da tenere in ordine la pelle, ma questo, specie per quelli del collo e delle ascelle, non è indispensabile, anche perché è bene sottolineare che il fibroma pendulo non degenera, non evolve in tumore. È invece fortemente raccomandabile togliere quelli che crescono sulle palpebre in quanto possono anche disturbare la vista.

    In conclusione

    i fibromi penduli o escrescenze di carne sono benigni ma tendono ad aumentare di volume e numero. Il trattamento è semplice e sicuro.

    Leave a reply →