Quali sono le malattie infiammatorie della pelle?

La cute, l’organo più esteso del corpo umano, è frequentemente soggetta a malattie infiammatorie, molte delle quali possono trasformarsi in croniche e auto mantenersi (auto infiammatorie). Queste patologie possono variare notevolmente per cause e sintomi, ma spesso includono manifestazioni come pelle arrossata, irritazioni alla pelle viso, prurito alla pelle e macchie rosse sulla pelle. Tra le condizioni più note troviamo la psoriasi, la dermatite atopica, la dermatite seborroica e l’acne, ciascuna caratterizzata da un meccanismo patogenetico complesso e spesso legato a fattori psicologici.

Malattie infiammatorie della pelle:
DERMATITE ATOPICA

La Dermatite Atopica, conosciuta anche come eczema atopico, è una malattia infiammatoria cronica della pelle che colpisce individui di ogni età, dalla neonatalità all’età adulta. Caratterizzata da fasi di riacutizzazione e remissione, questa patologia è particolarmente nota per il prurito intenso alla pelle e le varie manifestazioni cutanee dall’eritema lieve all’eritrodermia. La zona del viso è frequentemente coinvolta, specialmente nelle palpebre, guance e intorno alla bocca.

Quali sono le cause della Dermatite Atopica?

La Dermatite Atopica è principalmente scatenata da una predisposizione genetica, con una forte componente ereditaria. Questa predisposizione aumenta la sensibilità della pelle a diversi fattori ambientali come il cambio di stagione, l’esposizione a polveri e forfore animali, e condizioni di stress fisico e psicologico. Inoltre, fattori come l’umidità e la frequente esposizione all’acqua possono aggravare i sintomi, disturbando ulteriormente la barriera cutanea già compromessa nei soggetti atopici.

Quali sono i sintomi della Dermatite Atopica?

Il sintomo più evidente e disturbante della dermatite atopica è il prurito, che può essere persistente e intenso, presentandosi anche in assenza di lesioni visibili. Le lesioni cutanee possono variare ampiamente, da lievi arrossamenti a gravi eritrodermie, colpendo anche il viso. Nei bambini e nei neonati, è comune vedere l’eczema manifestarsi intorno ai 2-4 mesi di vita o tra i 6 e gli 8 anni, mentre negli adulti può verificarsi anche dopo i 60 anni. La dermatite delle palpebre o blefarite è un’altra manifestazione tipica che comporta infiammazione intorno agli occhi.

Scopri come ridurre l’infiammazione della pelle da Dermatite Atopica:

Malattie infiammatorie della pelle:
DERMATITE SEBORROICA

La Dermatite Seborroica è una delle forme di eruzione cutanea più comuni, nota per una caratteristica disposizione a mascherina attorno al naso e sugli zigomi, spesso descritta come “mascherina seborroica”. Questa condizione può colpire diverse aree del volto, incluse ciglia, sopracciglia, fronte, dietro le orecchie e all’interno del padiglione auricolare, manifestandosi con sintomi variabili.

Quali sono le cause delle Dermatite Seborroica?

Nonostante la frequenza della Dermatite Seborroica, le cause esatte rimangono non completamente definite. Si ritiene che possa essere correlata a un’instabilità cutanea simile a quella osservata nella psoriasi, con la quale spesso coesiste. Fattori come lo stress fisico e psichico sono noti per poter scatenare o aggravare la malattia, suggerendo un legame tra il benessere emotivo e le condizioni della pelle.

Quali sono i sintomi della Dermatite Seborroica?

I sintomi della Dermatite Seborroica variano a seconda della gravità della condizione. Nei casi lievi, i pazienti possono sperimentare leggera desquamazione e un minimo arrossamento, mentre nelle forme più gravi si possono osservare desquamazione pronunciata, screpolature e la formazione di croste. Il prurito è un sintomo comune e può variare da lieve a intenso, influenzando significativamente la qualità della vita del paziente.

Scopri come controllare la Dermatite Seborroica e minimizzare l’impatto della dermatite seborroica sulla vita quotidiana:

Malattie infiammatorie della pelle:
PSORIASI

La Psoriasi è un’infiammazione della pelle notoriamente complessa e con un andamento imprevedibile, che può manifestarsi in qualsiasi età e in diverse parti del corpo. Caratterizzata da una crescita anomala dell’epidermide, questa condizione porta alla formazione di placche cutanee ispessite, spesso infiammate e pruriginose, che possono causare notevole disagio psicologico, specialmente quando colpiscono aree visibili come il volto, le mani e il capillizio.

Quali sono le cause della Psoriasi?

La psoriasi è causata da una combinazione di fattori genetici e ambientali. Anche se non è possibile identificare una singola causa per la sua comparsa, certe persone sono geneticamente predisposte a svilupparla. Eventi scatenanti come traumi cutanei, infezioni, stress elevato e specifici trattamenti medici possono contribuire all’insorgenza o all’aggravamento delle manifestazioni della psoriasi.

Quali sono i sintomi della Psoriasi?

I sintomi della Psoriasi variano a seconda del tipo e della gravità della malattia. Comunemente, includono ipercheratosi, ovvero l’ispessimento dello strato corneo, che porta ad arrossamento, prurito intenso, e desquamazione. Le placche possono essere piccole e raggruppate, disseminate come nella psoriasi guttata, o formare grandi placche isolate. La rigidità della cute ipercheratosica può causare anche fissurazioni dolorose, aumentando il disagio fisico associato alla malattia.

Scopri come ridurre l’infiammazione della pelle in caso di Psoriasi:

Malattie infiammatorie della pelle:
ACNE

L’acne è un disordine infiammatorio che colpisce i follicoli pilosebacei, prevalentemente nel viso e nel tronco. È un’affezione estremamente comune, che si manifesta con diverse forme e gravità, da lieve a severa, e può apparire durante la pubertà o in età adulta come acne tardiva. La polimorfia di questa condizione si evidenzia nella simultanea presenza di punti neri, papule e brufoli.

Quali sono le cause dell’acne?

Le cause dell’acne sono multifattoriali, con una forte componente genetica che può essere evidenziata dalla familiarità per questa condizione. Gli ormoni svolgono un ruolo cruciale, specialmente durante la pubertà, ma anche in età adulta, influenzando la sensibilità dei follicoli sebacei. Altri fattori scatenanti includono lo stress, che può aggravare l’acne, e l’uso di cosmetici occlusivi e coprenti che possono ostruire ulteriormente i pori.

Quali sono i sintomi dell’acne?

L’acne inizia tipicamente con la formazione di comedoni, i quali si sviluppano a seguito dell’ostruzione dei pori della pelle. Questi possono evolvere in papule rosse e pustole, ovvero brufoli con un puntino bianco o giallo, che si manifestano spesso sulle guance e sul mento. I sintomi dell’acne sono generalmente classificati in tre fasi di evoluzione: la fase dei comedoni (punti neri chiusi e aperti), la fase delle papule (elementi infiammati) e la fase delle pustole. A seconda dei sintomi prevalenti, l’acne può essere descritta come comedonica, se dominano i comedoni, o cistica, se prevalgono le cisti.

Scopri il trattamento suggerito da Dermaclub: